Impianto TAF Roma

Impianto di trattamento realizzato per la bonifica di acque di falda contaminate da ferro, boro e idrocarburi, installato presso un sito industriale in area urbana.

Tecnologia utilizzata

L’impianto è costituito da due batterie di filtri parallele ognuna costituita da un filtro deferrizzatore, un filtro carboni attivo ed un filtro contente una speciale resina ionica selettiva per il boro.

L’acqua grezza viene stoccata e messa a contatto con ossidante e correttore di pH ed inviata alla filtrazione. Le acque di controlavaggio dei filtri deferrizzatori vengono accumulate in modo da precipitare i metalli e i solidi sedimentabili. I fanghi depositati vengono condizionati con polielettrolita ed inviati ad una stazione di disidratazione. L’acqua trattata viene reimmessa in falda.

L’impianto è totalmente automatizzato e gestito dal software Pura XD in una delle sue compilazioni più evolute. Il centro di comando infatti si occupa anche del processo di rigenerazione delle resine a scambio ionico.

Il sistema prevede l’acquisizione e la trasmissione in remoto di molti segnali analogici e digitali (portate, pressioni, pressioni differenziali, misure di pH, misure di livello).

È presente la possibilità di comando dell’impianto in remoto via connessione internet e la trasmissione degli stati di allarme via SMS.

Dati tecnici

N. filtri 6
Filtri in acciaio 4
Filtri in VTR 2
Filtri Ø 1.700 mm 4
Filtri Ø 1.000 mm 2
Fasciame filtri 2.500 mm 4
Fasciame filtri 2.000 mm 2
Portata di proc. (mc/h) 25
Portata max (mc/ha) 35
Numero sedimentari 2
Volume singolo sedimentatore (mc) 15