Depurazione biologica

La depurazione biologica è la tecnologia più utilizzata per il trattamento delle acque reflue di provenienza urbana e spesso anche industriale. Il trattamento dei reflui avviene tramite l’azione di microrganismi che degradano la materia organica. La depurazione biologica avviene generalmente in 4 step:

 

Decantazione primaria

Questo trattamento ha il compito di separare per decantazione i solidi grossolani, buona parte del fango inorganico (argille, sabbie fini, carbonati, fosfati, sali metallici insolubili, ecc.) e biodegradare, mediante batteri anaerobici specifici parte del BOD5 , del COD e dei composti di azoto e fosforo. Con una efficiente disoleatura-dissabbiatura.

 

Ossidazione e nitrificazione

In questa fase avvengono, combinate, l’assimilazione ossidativa del carbonio organico e la nitrificazione, la reazione chimica che trasforma l’ammoniaca in nitrato e che può essere supportata da batteri autotrofi (Nitrosomonas e Nitrobacter) ed in tal caso si parla di bionitrificazione.

 

Denitrificazione

La denitrificazione è la reazione chimica che riduce i nitrati ad azoto molecolare gassoso. Viene realizzata in condizioni anaerobiche.

 

Decantazione secondaria

Il refluo viene ora affinato nella vasca di decantazione secondaria assicurando un tempo di detenzione minimo per ottenere la decantazione dei fanghi che saranno ricircolati in ossidazione.

 

Ricircolo

Ottenuto mediante pompa idraulica a girante arretrata, permette l’innalzamento dell’età del fango ed il prolungamento, anche durante la fase di mancata alimentazione, del processo depurativo del refluo contenuto nell’impianto; è attivamente coinvolto nel processo Denitro-Nitro-Denitro.